. Fotografare il giardino: Una guida per principianti - GramignaMap
Fotografare il giardino

Fotografare il giardino: Una guida per principianti

Una parte davvero soddisfacente della mia avventura nel giardinaggio è stata quella di documentare i progressi man mano che procedevo.

Riguardando le foto del mio primo anno di semina, posso immediatamente ricordare l’emozione di veder fiorire quelle umili petunie e cosmos, e allo stesso tempo sentirmi piuttosto stupita del giardino rispetto a quello attuale. Il mio archivio di immagini mi ricorda quanto questa ossessione mi abbia portato lontano.

Il mio amore per la fotografia è stato sostenuto dall’avere un giardino e, con l’aumentare delle mie capacità di coltivazione, è aumentata anche la mia passione per la creatività con la macchina fotografica. Per fotografare al meglio il mio giardino ho seguito i consigli di Andrea Sampoli, un famoso fotografo di matrimoni che puoi trovare online su andreasampoli.com.

Libero comunque da qualsiasi aspettativa , il tempo tranquillo trascorso a fotografare i miei fiori e le mie aiuole è diventato un hobby creativo in cui mi diverto a sperimentare.

Questa documentazione regolare ha anche favorito la mia conoscenza del giardinaggio e il mio legame con i cicli vitali che si svolgono nel mio giardino. Non solo ogni anno ha visto una grande trasformazione del mio giardino nel suo complesso, ma ogni stagione che passa ha offerto anche delle delizie visive da raccogliere e ricordare.

Quando pianifico, posso facilmente fare riferimento alla mia biblioteca di immagini per capire meglio quanta luce riceve un’area, fondamentale per le mie combinazioni di piante. Posso anche confrontare la crescita degli alberi e il notevole miglioramento delle piante che ho spostato in posizioni migliori.

Che preferiate prendere la macchina fotografica, il telefono o il tablet, ci sono alcuni consigli di base che uso per aiutarmi a fotografare la magia del mio giardino riflettendo le sensazioni del momento.

Il mio desiderio è sempre stato quello di catturare l’atmosfera e il senso del luogo al di là di una semplice istantanea: c’è molto da divertirsi in questo.

Fotografia alla fine della giornata

La morbidezza e l’angolo più basso del sole al mattino e nel tardo pomeriggio conferiscono al giardino una luminosità che mi invita a sfruttare questa luce a mio vantaggio. Mi piace puntare l’obiettivo verso di essa, usandola per retroilluminare piante o aiuole specifiche.

Mi piace muovere la macchina fotografica per far entrare nell’inquadratura i fasci o i punti di luce senza oscurare completamente la foto. Non amo nulla di più di un esemplare di pianta tracciato con linee dorate dal sole che si spinge alle sue spalle.

Trovare la messa a fuoco

Prima di scattare l’immagine, assicuratevi che il vostro dispositivo sia focalizzato sull’area che volete mettere in risalto. Su una fotocamera, se si utilizza la messa a fuoco automatica, questa si ottiene spesso formando e regolando un quadrato verde per bloccare il soggetto con una mezza pressione del pulsante.

Su un telefono o un tablet, è possibile toccare il soggetto sullo schermo per metterlo a fuoco. Se si scatta un’inquadratura più ampia di un’aiuola, toccare o selezionare un punto al centro dell’aiuola e scattare alcune foto per essere sicuri di ottenere un risultato soddisfacente.

Cambiare il punto di vista

Non limitatevi a fotografare ad altezza d’uomo, ma esplorate il vostro giardino da tutte le angolazioni. Mi ritrovo a stare in equilibrio sui bordi delle mie aiuole rialzate per fotografare dall’alto, a inginocchiarmi per guardare “attraverso e in alto” le piante e spesso a immergermi nelle aiuole per trovare un aspetto diverso dal loro interno. Preferisco persino quando il verde sfocato attraversa l’inquadratura, sentendo che mi attira ancora di più nell’immagine finale.

Avvicinatevi alle piante, trovate la vostra messa a fuoco e stupitevi dei deliziosi risultati ottenuti quando il vostro dispositivo riduce automaticamente la profondità di campo. Invito chi ha un telefono a esplorare l’opzione della modalità ritratto anche per questo.

Usate le gambe per lo zoom

Se state usando un telefono o un tablet, vi suggerisco di non usare le dita per lo zoom e di scattare invece foto progressive avvicinandovi fisicamente al soggetto. Anche se la tecnologia è migliorata a passi da gigante, un’immagine “ingrandita” non è mai così nitida, per cui è meglio usare solo una fotocamera.

Cercare le linee

Uno dei modi più semplici per migliorare la ripresa fotografica è quello di assicurarsi che le linee di demarcazione siano piatte. Potrebbe trattarsi di una recinzione, dell’orizzonte o di una fioriera rialzata che attraversa lo sfondo dell’inquadratura. Lo faccio anche con le linee verticali, come le porte o i pali della veranda, angolando la fotocamera e il corpo in avanti/indietro, in alto o in basso, fino a quando non si sviluppa parallelamente allo schermo.

Se mi accorgo di non aver fatto bene, quando rivedo le mie immagini, uso il software di editing del mio telefono (o un’app di editing) per regolare l’inclinazione e salvare di nuovo.

Considerare la composizione

Se non ci fermassimo mai a pensare al nostro scatto, sarebbe naturale posizionare il soggetto al centro dell’inquadratura. Tuttavia, giocare a spostarlo fuori dal centro può spesso dare un risultato visivamente più gradevole.

Quando componete il vostro scatto, dividetelo mentalmente in terzi, sia in orizzontale che in verticale. Cercate di posizionare il soggetto lungo le linee o all’intersezione di ciascun terzo, anziché al centro. È molto utile attivare l’opzione “griglia” del telefono e della fotocamera per abituarsi a comporre utilizzando queste zone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.